Carsulae
Accedi o Registrati

Carsulae

A circa 2 Km da San Gemini si trovano i resti dell’antica città romana, sorto lungo il tracciato della via Flaminia probabilmente già dal III sec. a.C.

Il Parco archeologico di Carsulae, è un vero e proprio museo all’aperto che si estende per circa 20 ettari. Fu territorio sangeminese fino al 1770 ed attualmente area demaniale sotto il Comune di Terni. La sua storia resta comunque legata a San Gemini che probabilmente èsorta in seguito all’esodo dei carsulani costretti a rifugiarsi sul vicino colle, a causa di un terremoto o di invasioni.
Gli scavi effettuati tra il 1951 e il 1972 hanno riportato alla luce parte del foro con i resti della basilica e dei due templi gemelli, il teatro e l'anfiteatro, le tombe monumentali, un lungo tratto della via Flaminia e più di recente i resti delle terme.


Questo importante sito archeologico romano, ubicato tra I comuni di Terni, San Gemini e Acquasparta, è conosciuto anche come la Pompei dell’Umbria. Si tratta di una vasta area di campagna umbra nella quale sono disseminati numerosi resti di una cittadina di epoca romana.


Un lungo tratto dell’antica Via Flaminia è stato riportato alla luce e lungo I blocchi di pietra solcati dai carri che l’attraversarono duemila anni fa sono riemersi i resti dei principali edifici di questo insediamento: il Foro e la Basilica, i templi gemelli dedicati a Castore e Polluce, l’anfiteatro ed il teatro, la necropoli e le terme, queste ultime tuttora in fase di scavo.


Al centro dell’area archeologica si trova la suggestiva chiesa di San Damiano, unico edificio rimasto integro, forse proprio perché successivamente adibito al culto Cristiano.


I numerosi resti e frammenti rinvenuti nell’area sono esposti nel lapidarium all’interno di una cisterna, nel Centro Documentale e nel Magazzino Visitabile. Recentemente sono ripresi gli scavi nelle aree delle terme e della Necropoli e durante il periodo estivo è possibile effettuare una visita ai cantieri di scavo.



Caricamento...