Accedi o Registrati
Il Piccolo Gottardo umbro: l'antica ferrovia Spoleto-Norcia
  • 05/11/2020
  • Miriam
  • Outdoor activities
  • 186
  • 0

Il Piccolo Gottardo umbro: l'antica ferrovia Spoleto-Norcia

Tra le ferrovie di montagna italiane, la Spoleto-Norcia, progettata nel 1912, rappresentava un'impresa ardita, difficile, quasi un'opera d'arte ferroviaria.
L'ingegnere elvetico Erwin Thomann realizzò il progetto definitivo della Spoleto-Norcia secondo gli esempi delle ferrovie Svizzere: il percorso divenne più breve, ne aumentò la pendenza, anziché il vapore venne utilizzata l'energia elettrica e i binari a scartamento ridotto che permettevano di contenere la curvatura nei tratti molto tortuosi.
Incastonata tra gli Appennini, ma per caratteristiche altimetriche considerata quindi una ferrovia alpina, la Spoleto-Norcia era un vero e proprio gioiello di ingegneria: in appena 51 chilometri si trovavano 19 gallerie, tra cui quella di valico di Caprareccia lunga quasi 2 chilometri, 24 ponti e viadotti a tratti elicoidali, pendenze fino al 45 per mille!
La costruzione della ferrovia, rallentata dalla Grande Guerra, fu ultimata solo nel 1926.
Da quel momento la città di Spoleto fu collegata alla Valnerina e a Norcia: al costo di 17,70 Lire in prima classe, e 11,80 Lire in seconda, si viaggiava per circa due ore attraverso panorami di incredibile bellezza!
L'ultima corsa del treno di montagna sul "piccolo Gottardo umbro" avvenne il 31 Luglio del 1968.

Il Piccolo Gottardo umbro: l'antica ferrovia Spoleto-Norcia

Un vero e proprio patrimonio artistico e paesaggistico abbandonato per troppi anni, che è finalmente tornato a splendere nel 2014.
Dopo gli interventi di recupero e consolidamento del vecchio tracciato, è stato inaugurato un sentiero pedonale e ciclabile senza uguali di circa 34 km fatto di gallerie, viadotti, gole impervie e corsi d'acqua.
La Spoleto-Norcia è un itinerario storico e naturalistico inserito tra Beni Culturali Italiani che attrae appassionati di natura, outdoor, montagna.
Un percorso da fare a piedi, a cavallo e ovviamente in mountain bike, adatto a escursionisti esperti e famiglie: è però importante decidere in anticipo come suddividere le tappe!
I viadotti e le gallerie rappresentano divertimento puro per adulti e bambini, le pendenze non superano il 4%, i panorami sono incredibili.

Il Piccolo Gottardo umbro: l'antica ferrovia Spoleto-Norcia

Da Spoleto si sale fino al valico della Caprareccia e si attraversa l'omonima galleria abitata da una colonia di 3000 pipistrelli che lascia col fiato sospeso e rende l'avventura ancora più divertente; si scende fino al fondovalle di Sant'Anatolia di Narco dove è ancora visibile l'antica stazione ferroviaria.
Si costeggia poi il Fiume Nera, si oltrepassa Castel San Felice, Piedipaterno, Borgo Cerreto fino a Triponzo.
Dopo la lunga galleria, si aprono due massicci calcarei di 700 metri della Gola di Balza Tagliata, un canyon sulla valle del fiume Corno.
Si attraversano quindi i ponti di ferro sul fiume fino a raggiungere il suggestivo stretto di Biselli.
Da Serravalle si entra nella valle del fiume Sordo fino a raggiungere la vecchia stazione di Norcia nel cuore del Parco dei Monti Sibillini.
Alcuni tratti della vecchia ferrovia sono ancora oggi in fase di ripristino, ma la Spoleto-Norcia merita di essere percorsa nella sua interezza attraverso paesaggi e borghi senza tempo!

Scopri con Dreavel l'antica ferrovia:
Trekking lungo la ex ferrovia
In mountain bike sulla Spoleto-Norcia