Accedi o Registrati
Trekking: alcuni consigli
  • 07/07/2018
  • Diego
  • Outdoor activities
  • 501
  • 0

Trekking: alcuni consigli

A camminare si inquina di meno, a patto che il trekking inizi in modo sostenibile.

Trovare percorsi a ritmo slow e nel totale rispetto dell'ambiente, è possibile se già dalla chiusura della porta di casa, si segue qualche piccolo accorgimento.

Viaggiare senza avere impatto sull'ambiente non solo è possibile, ma è anche un modo per trasformare la propria vacanza in una piccola avventura.

Raggiungere i luoghi di partenza e di arrivo usando il treno, è un modo di viaggiare che permette al turista di rilassarsi e godersi l'inizio della vacanza senza doversi preoccupare di guidare. Ma se il treno non fosse possibile?
Nessun problema, il carpooling può essere la soluzione giusta. E chissà, magari strada facendo si trovano anche nuovi amici con i quali condividere un pezzo di cammino insieme.

Ma camminare non fa bene solo all'ambiente.

Uno studio dell'Università dello sport di Berlino ha confermato l'effetto relax delle camminate in mezzo alla natura: aiutano ad affrontare i problemi quotidiani con concretezza. Mentre una ricerca, pubblicata da Psychology Today Magazine, sottolinea come chi ama il trekking riesca a ottimizzare il suo tempo libero, vivendolo al meglio.

Se sei alle prime armi, inizia dai sentieri "turistici", itinerari con un dislivello massimo di 500 metri, che non superano i 10 km, senza difficoltà di orientamento e che ti impegnano per due o tre ore al massimo», suggerisce la guida escursionistica Martina Roddi.

ALCUNI SEMPLICI CONSIGLI
Sei già un buon trekker e vorresti avventurarti su un'alta via, un percorso di più giorni, in quota, che prevede quindi pernottamenti in rifugio? Devi abituarti a portare lo zaino e, soprattutto, imparare a dosare le forze, per ottimizzare i tempi di recupero. «Per prepararti scegli i percorsi per escursionisti esperti, sentieri che richiedono sicurezza nell'affrontare pendii scivolosi, pietraie, tratti innevati e la capacità di camminare anche per 6-7 ore», suggerisce Martina Roddi. "Porta con te un integratore a base di magnesio: circa 300 mg al giorno, durante il trekking, ti aiuteranno a sentire meno la fatica muscolare», spiega la personal trainer. Dovrai avere uno zaino comodo, da 35 litri e con la sacca impermeabile. «Indispensabili: un paio di borracce, cappellino per il sole e di lana, guanti, occhiali e crema solare, giacca impermeabile. Un paio di magliette e di calze tecniche e il necessario per passare la notte. Aggiungi frutta secca e cioccolato per ricaricarti. Ricorda che gli oggetti pesanti vanno sistemati in alto e vicino alla schiena, per non sbilanciarti, e che lo zaino va sempre allacciato, sia in vita sia sul petto, per scaricare il peso tra spalle e anche», conclude l'esperta.

ALTRI CONSIGLI (DI VIAGGIO SLOW)
Nel caso in cui la tua voglia di viaggio risulta irresistibile, possiamo darti qualche consiglio in più qui... http://bit.ly/SlowWalking